jump

 

  Studio 

 

COUNSELING e COUNSELOR

Dott. Sergio Angileri

COSA FA IL COUNSELOR PER I SUOI ASSISTITI

 

Il Counseling è una delle Professioni di Aiuto alla Persona (Counseling; Psicologia; Psicoterapia; Psicoanalisi).

 

La "relazione professionale di aiuto alla Persona" - che sia di Counseling, di Psicologia o di Psicoterapia - consiste in ogni caso nell’applicazione di metodologie di intervento da parte del professionista, consistenti in un insieme di tecniche, abilità e competenze, specializzate per il conseguimento della risoluzione della sofferenza della persona e per il conseguimento del suo miglior stato di salute e di benessere,  per mezzo del raggiungimento dei seguenti risultati:

  • facilitare, nella persona che ha richiesto l'intervento, l’emancipazione della consapevolezza, riguardo le diverse situazioni della sua vita

  • ottenere il miglioramento nell'uso delle proprie risorse personali, da applicare in quelle situazioni per cercare e trovare le più efficaci soluzioni a problemi, difficoltà o altro

  • fornire strumenti alla persona e offrirle più prospettive, affinché questi possa trovare la propria soluzione per uno o più problemi nella sua vita

  • alleviare e/o risolvere i sintomi del disagio esistenziale e/o del disturbo per mezzo del cambiamento decisionale

  • migliorare complessivamente la qualità della propria salute ("vedi salutogenesi") e della propria vita

  •  

    La precedente, è una definizione che accomuna, genericamente, ciò che si fa per aiutare le persone in Counseling, ma parzialmente anche in Psicologia, Analisi e Psicoterapia.

    Dal punto di vista sostanziale e operativo, infatti, per conseguire il risultato che hanno in comune, le metodologie e le tecniche applicate e le abilità e le competenze professionali, sono diverse e specifiche in ciascuna delle professioni di aiuto.

    In particolare il Counseling attua una metodologia molto pratica, concreta e diretta, interessandosi operativamente dello stile di gestione delle situazioni che usa la persona.

    Psicologia, Analisi e Psicoterapia, invece, tentano di arrivare allo stesso risultato, però passando dall'analisi delle funzioni mentali e assumendo una prospettiva in qualche modo clinica, cioè considerando le difficoltà della persona "problemi sanitari". Non a caso il Counselor considera la persona un suo "cliente", mentre Psicologia e Psicoterapia la considera un suo "paziente".

    Tutte queste professioni hanno in comune l'obiettivo di "assumere in cura la persona", che sia affetta da malattia o non lo sia, ma nessuna di esse è una attività medica e nessuna si occupa di curare malattie. Tutti i professionisti suddetti hanno un identico obiettivo, da ottenere ciascuno con metodi e competenze diverse: ottenere il risultato di avere aiutato la persona a sapersi aiutare. Ma nessuno di quei professionisti è medico e quindi nessuno di essi cura malattie.

     

    IL COUNSELING PRATICATO DAL DOTT. SERGIO ANGILERI

    a cura del Dott. Sergio Angileri

     

     Il dott. Sergio Angileri  - già Psicologo iscritto all'Ordine degli Psicologi della Sicilia al n. 480 - è Analista Transazionale - Specializzato in Psicoterapia Analitica Transazionale - Mindfulness Based Treatments Trainer - Counselor Professionista,  in possesso di Attestato di Qualificazione rilasciato da FAIP COUNSELING ed è iscritto nel Registro Nazionale Counselors Professionisti al n. 1546.

    La sua specializzazione, formazione e qualificazione coincide con i seguenti dati curriculari:

    • - Laurea in Psicologia Applicata - (Università "La Sapienza", 110/110 con lode, Roma);

    • - Diploma e Qualifica Specialistica in Consulenza Psicologica - (Istituto di Analisi Transazionale, Roma);

    • - Diploma e Qualifica Specialistica in Psicoterapia Analitica Transazionale - (Scuola di Specializzazione IAT di Roma, Istituto di Analisi Transazionale);

    • - Diploma di Perfezionamento in Psicoterapia applicata alla Medicina Psicosomatica (SIMP (Scuola Italiana Medicina Psicosomatica - Policlinico di Roma)

    • - Perfezionamenti in counseling, medicina, psicologia cognitiva, psicosessuologia, consulenza e psicologia della coppia e della famiglia (masters, seminari, workshops, aggiornamenti, conseguiti in diversi istituti ed esperienze, quali Istituto ALETEIA (Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva) in Enna; Scuola Superiore di Psicologia Clinica dell'Università Pontificia Salesiana in Roma;  AMISI (Associazione Medica Italiana Studio Ipnosi), in Milano; Istituto di Medicina Psicosomatica J. Cremerius presso il Policlinico di Monaco di Baviera; corso di laurea in Medicina e Chirurgia V anno)

    • - Attestazione di Qualificazione in Counseling Professionale -

    • - Associato Centro Italiano Studi Mindfulness, Roma

     Anzianità professionale dal 1985: il Dott. Sergio Angileri possiede trentennale esperienza clinica, diagnostica e terapeutica, nell'esercizio della professione di Psicologo, Counselor e Psicoterapeuta.

     

    La metodologia di applicazione del Counseling da parte del dott. Sergio Angileri, è coerente con tutta la sua formazione e specializzazione sopra elencata ed è coerente con la sua trentennale esperienza in Psicologia Clinica, in Psicoterapia e in Analisi Transazionale, oltre che in Psicologia Applicata, in Consulenza Psicologica e in Counseling Professionale.

    Il Counseling applicato dal dott. Sergio Angileri è quindi un Counseling Relazionale e Sanitario, fondato sulla metodologia Analitica Transazionale e sulla Mindfilness.

    Le tecniche e i metodi sono:

  • Counseling Analitico Transazionale

  • Counseling Mindfulness Based (Trattamenti Focali Brevi MB)

  • Counseling Analitico Socio-Cognitivo

  •  

    Per quanto riguarda il Counseling Mindfulness Based, si può anche dire che [...] " Il modello Mindfulness Counseling ha le sue radici sia nella Psicologia Umanistica, sia nel Dharma buddista e si caratterizza come un processo centrato sull´ascolto empatico e sul completo rispetto della soggettività dell´esperienza al fine di promuovere lo sviluppo di una matura ed autentica capacità di relazionarsi con se stessi e con l’altro da sé. Secondo l’approccio del Mindfulness Counseling, l´intenzione del counselor durante l´intervento è rivolta non solo allo sviluppo dell’autostima e delle risorse per il ben-essere individuale, ma anche a promuovere il processo evolutivo della Coscienza verso l’apprendimento e la realizzazione di quelle condizioni mentali non egoiche che sono il fondamento comune delle diverse tradizioni spirituali: equanimità e compassione, tolleranza e gioia, concentrazione e pace mentale, apertura e rispetto della vita, accettazione della morte, capacità di comprendere la natura transitoria dell´esperienza, generosità, assenza di dogmatismo e chiarezza etica." ( rif. http://www.mindproject.com/wp/la-scuola/ )

    Per approfondire sul Counseling Analitico Transazionale, cliccare qui.

     

     

    NECESSARIA DISTINZIONE FRA FIGURE PROFESSIONALI CONTIGUE

     

    Poichè le attività e gli obiettivi per i loro assistiti, sono condivise fra Counselor, Psicologo, Psicoterapeuta e Medico, occorrono delle precisazioni e distinzioni fondamentali.

     

    Il Counseling non è Psicologia. Il Counselor non è Psicologo. Lo Psicologo non è Counselor.

    Lo Psicologo Professionista può anche svolgere attività di Counselor Professionale, se, oltre alle proprie competenze psicologiche, possiede anche le competenze specifiche del Counseling Professionale, che sono altre e diverse competenze da Psicologia.

    Infatti nel momento in cui sta offrendo al suo cliente le proprie competenze di "Counseling Professionale", se le possiede, lo Psicologo non sta esercitando da Psicologo. Infatti, lo Psicologo Professionista che offre al proprio cliente prestazioni eufemisticamente chiamate di "Counseling Psicologico", in quel caso altro non sta facendo che esercitare le proprie specifiche professionali "attività tipiche dello psicologo", quali previste nell'art. 1 della Legge 56_89, legge che regola l'attività professionale dello Psicologo. "Counseling Psicologico" quindi altro non è che prestazione consulenziale da parte di uno Psicologo.

    Mentre invece il "Counseling Professionale, cioè quello non psicologico" è una professione autonoma qualificata a parte, che richiede qualificazioni, competenze ed esperienze formative ulteriori e diverse, rispetto a quelle che riguardano lo psicologo.

    Se e quando lo Psicologo sta offrendo competenze di Counselor Professionale, allora in quel momento sta facendo necessariamente altro rispetto alle "attività tipiche dello Psicologo", cioè in quel momento non sta esercitando da Psicologo, ma sta applicando le altre sue competenze diverse da Psicologia, se le possiede, nella forma chiamata genericamente "Counseling". O l'uno o l'altro.

    Vediamo allora cosa è Counseling Professionale e Counselor Professionale, in quanto competenze e professione autonoma, distinta e indipendente rispetto a Psicologia, Psicologo e Consulenza Psicologica.

    Il Counseling è una prestazione professionale qualificata, praticata da professionisti che possono possedere un ventaglio molto ampio di formazione, titoli di qualificazione e/o specializzazione e/o laurea, una delle quali può anche essere in Psicologia. I Counselors Professionali formati, qualificati e/o specializzati, sono per questo riconosciuti e accreditati da enti e associazioni professionali, a loro volta accreditate e riconosciute, sia da organismi nazionali che internazionali.

    Il Counseling definisce quindi un repertorio molto vasto di competenze, fra le quali la competenza psicologica rappresenta soltanto una possibile parte, ma assolutamente non indispensabile. Le competenze del Counseling infatti spaziano da un minimo livello formativo, di solito conseguito per mezzo di un diploma di qualificazione ottenuto in seguito a corso di formazione triennale, ad un massimo livello di solito corrispondente a titoli di laurea e titoli di specializzazione riguardanti diverse aree e discipline (di solito laurea in Psicologia, Medicina, Filosofia, Teologia, Giurisprudenza, Pedagogia, Scienze Sociali ecc. e formazioni o specializzazioni in Psicoterapia, Psichiatria, Scienze Giuridiche, Tecniche della Comunicazione, PNL, Biotransenergetica Transpersonale, Analisi Transazionale,  ecc).

    Di conseguenza il cosiddetto "Counseling Psicologico" -quello praticato dagli psicologi- non corrisponde al Counseling Professionale ed è invece una prestazione professionale tipica ed esclusiva dello Psicologo prevista dalla Legge 56_89  e pur chiamandosi "counseling" altro non è che ordinaria prestazione psicologica.

    I diversi "tipi di counseling" sono quindi determinati dalla specifica formazione, qualificazione e specializzazione del Counselor, il quale, come abbiamo visto, può essersi realizzata su un vasto ventaglio di possibilità. Questo significa che ciascun Counselor potrà fornire al proprio cliente un Counseling coerente con la propria formazione e non potrà farlo per ogni tipo di situazione, di conseguenza sapendo avviare il cliente ad altro collega o professionista, quando riconoscerà di non possedere competenza rispetto alla situazione o problema portato dal cliente.

    A causa di quanto sopra detto, a costo di ripeterci: il Counseling Professionale non è attività psicologica, per il semplice fatto, come abbiamo visto, che il cosiddetto "counseling psicologico", altro non è che la stessa attività professionale da Psicologo quale prevista dall'art. 1 della Legge 56_89.

    Counseling Professionale, quindi è una definizione generica di una professione diversa da Psicologia e che è multifattoriale e plurisfaccettata.

    In Italia il Counseling Professionale non è una professione "ordinistica". Il Counseling è una professione "accreditata per titoli, presso l'Istituto di appartenenza", il quale a sua volta è vigilato e accreditato da parte di organismi nazionali e internazionali. L'esercizio legale del Counseling Professionale, in Italia è "regolato" ai sensi della Legge 4_2013 

    Il Counseling Professionale è una professione di aiuto, di consulenza personale ad orientamento situazionale, comportamentale e pragmatico, il cui obiettivo è cercare e trovare in tempi brevi soluzioni efficaci e benefiche per le persone. Ciascun Counselor offrirà le suddette prestazioni in un modo diverso da un altro Counselor, poichè le formazioni e le competenze di ciascuno sono specifiche e diverse.

    Questa prestazione professionale è fornita a persone che, trovandosi in situazioni di vita nelle quali stanno soffrendo i sintomi e i disturbi del loro disagio situazionale e/o esistenziale  e non riuscendo da soli e autonomamente a rimediare alla loro sofferenza e/o a elaborare nuove decisioni e scelte, per questo necessitano di un intervento professionale che fornisca consulenza, orientamento, tecniche, metodi e competenze, per giungere alla loro migliore risoluzione.

    Lo scopo del Counselling Professionale è quindi quello di offrire al Cliente l’opportunità di esplorare e riconoscere i propri schemi d’azione e di pensiero e aumentare il livello di consapevolezza, così da potere e sapere utilizzare al meglio le proprie risorse personali per gestirsi in modo efficace e raggiungere un maggiore benessere.

     

     

    QUALE E' LA FORMAZIONE CHE QUALIFICA IL COUNSELOR

    Recentemente, all'inizio del corrente anno 2018, la Federcounseling sta promuovendo nei vari ambiti istituzionali e politici, i requisiti minimi per il Counselor che corrisponderanno obbligatoriamente dal 2020 ad un titolo di laurea. Questo corrisponde ad un allineamento con le posizioni accademiche internazionali nei confronti del Counseling e al riconoscimento crescente della sua essenziale funzione per la salutogenesi delle persone.

    Cliccare qui per leggere di più su questo argomento.

     

    Il Counselor opera nel campo della prevenzione della malattia e in quello della promozione della salute, così come intesa e definita dalla Carta di Ottawa nel 1986. Il Counsellor deve possedere titoli, diplomi di qualificazioni o specializzazioni, curriculum professionale, esperienza professionale e di vita tali, da configurarsi come testimonianze formali delle sue competenze specifiche per la promozione del benessere dell’individuo.

    La formazione professionale e le competenze possedute dal Counselor, oscillano da una "formazione minima" prevista dalla Legge (corso triennale di qualificazione), ad una "formazione elevata" opzionale (una o più lauree; specializzazioni; formazioni; qualificazioni; esperienze; ecc.).

    Infatti in Italia esistono da un lato Counselors Professionisti in regola con le normative, la cui formazione coincide con un corso triennale di qualificazione, che corrisponde ai requisiti minimi da possedere previsti dalla Legge.

    Dall'altro lato esistono Counselors Professionisti in regola, la cui formazione va molto oltre i minimi previsti per Legge e coincide con il possesso di una o più lauree (di solito in Psicologia o Medicina), qualificazioni e specializzazioni dopo la laurea (di solito diplomi in Consulenza Psicologica, specializzazione in Psicoterapia, masters in diverse tecniche  metodi di aiuto professionale, ecc.). A prescindere dalla formazione testimoniata dai titoli, diplomi e attestati, inoltre, i Counselors differiscono anche per la soggettiva e personale esperienza di vita e per il curriculum personale di esperienza professionale passata.

    E' tuttavia importante precisare che quando il Counselor possiede titoli, qualifiche, formazione e specializzazioni, per merito dei quali è uno specialista psicologo e/o psicoterapeuta, deve stabilire subito con la persona che lo consulta, se il suo caso sarà trattato con modalità e tecniche derivanti dalla psicologia e dalla formazione psicoterapeutica/analitica, oppure le altre tipiche del counseling. Quando invece il counselor non ha una formazione, qualificazione e specializzazione da psicologo clinico e psicoterapeuta, necessariamente potrà applicare il proprio intervento di Counseling soltanto sulla base dei propri studi, titoli, qualificazioni, specializzazioni ed esperienza.

    Da quanto sopra specificato risulta che in Italia alcuni professionisti che posseggono la formazione, la qualifica e l'attestazione di "counselors" sono anche dottori in psicologia, psicologi, psicoterapeuti o medici e psichiatri, mentre altri sono counselors, a volte anche non necessariamente laureati (in Italia è richiesto almeno un diploma di scuola superiore) in possesso soltanto della minima qualificazione in counseling, che in Italia viene rilasciata al termine di un corso triennale di formazione, da suole accreditate presso le associazioni di counseling (ad esempio FAIP o Assocounseling). Tali associazioni e scuole accreditate, agiscono e si attengono alla Legge n°4 del 14 gennaio 2013 e alle direttive EAC (European Assiociation for Counseling).

    In Italia il Counseling Professionale non è una professione "ordinistica". Il Counseling Professionale è una professione "accreditata per titoli, presso l'Istituto di appartenenza", il quale a sua volta è vigilato e accreditato da parte di organismi nazionali e internazionali. L'esercizio legale del Counseling non psicologico, in Italia è "regolato" ai sensi della Legge 4_2013

     

     




     

     

    I confini dell’intervento di Counseling nel colloquio

    potenzialità ed efficacia dell’AT (Analisi Transazionale)


    Milly De Micheli
    (AT- Rivista italiana di analisi transazionale e metodologie psicoterapeutiche, XXVI, 13-14, 2006)


    Definizione del Counseling


    L’ Art .6 dello statuto del CNCP recita così:


    “Il Counseling è un processo relazionale tra Counselor e Cliente, o Clienti (individui, famiglie, gruppi o istituzioni).

    Il Counselor è la figura professionale che aiuta a cercare soluzioni di specifici problemi di natura non psicopatologica e, in tale ambito, a prendere decisioni, a gestire crisi, a migliorare relazioni, a sviluppare risorse, a promuovere e a sviluppare la consapevolezza personale su specifici temi.

     L’obiettivo del Counseling è fornire ai Clienti opportunità e sostegno per sviluppare le loro risorse e promuovere il loro benessere come individui e come membri della società affrontando specifiche difficoltà o momenti di crisi.


    Il Cliente è la persona, la coppia, la famiglia o l’organizzazione che richiede di essere aiutata mediante un’opera di supporto, in un percorso formativo o un processo di sviluppo personale inerente una specifica problematica. “
    Proseguo con una nota dal codice deontologico della stessa associazione :
    “Sarà cura del Counselor mantenere la relazione di Counseling  entro limiti di tempo, di obiettivi e di contenuti tali da non creare sovrapposizioni indebite con quanto attiene ad un trattamento psicoterapico.”
    Sul campo del counseling come certificazione CTA l’EATA afferma:
    “Il counseling analitico transazionale è un’attività professionale all’interno di una relazione contrattuale. Il processo di counseling permette ai clienti o ai sistemi di clienti di sviluppare consapevolezza, opzioni, capacità di gestione dei problemi edello sviluppo personale nella vita quotidiana, attraverso l’accrescere delle loro forze e risorse. L’obiettivo è quello di accrescere l’autonomia in relazione al proprio ambiente sociale, professionale, culturale. Il campo del counseling è scelto da quei professionisti che lavorano in ambiti sociopsicologici e culturali. Alcuni esempi sono: assistenza sociale, sanità, lavoro pastorale, prevenzione, mediazione, facilitazione di processo, lavoro multiculturale e attività umanitarie (EATA, 1995).
    Ho scelto di partire da due definizioni di counseling – quella del Coordinamento Nazionale Counselor Professionisti CNCP e quella, più specifica nostra, dell’EATA - e dalla sottolineatura di alcuni termini per evitare il rischio, che appartiene anche agli analisti transazionali, di definire il campo del counseling e il suoi confini a partire da ciò che esso non è (non è psicoterapia, non è campo educativo, non è il campo dell’educazione), piuttosto che da ciò che è!


    Confine


    All’interno del campo del counseling, che può essere praticato secondo diversi approcci psicologici, desidero soffermarmi sull’utilizzo dell’AT nel colloquio di counseling, enucleando come questo modello sia utile nell’elaborazione del concetto di confine e nella gestione potente del colloquio stesso entro il suo confine.
    Quando si parla di confini è opportuno chiarire che accezione si da al termine: si può intendere il confine in senso restrittivo e contenitivo, come nel caso della geografia politica o per due giardini contigui; in questo caso il confine è una linea precisa, una barriera che separa un territorio da un altro: quello che è da una parte, non appartiene all’altra.

    Questa accezione del termine confine, non ci aiuta ad avere chiarezza nelle aree di applicazione dell’Analisi Transazionale e, se torniamo a quanto affermato sopra, credo, neppure in quella della definizione del counseling in generale.
    Per parlare dei confini nei diversi campi di applicazione dell’Analisi Transazionale, infatti, dobbiamo accettare l’idea che ci sia una grande parte di teoria, di metodi e di tecniche che sono territorio comune a tutti i campi di applicazione dell’AT e alcuni strumenti, metodi e tecniche propri di alcuni campi e non di altri. 1
    La metafora che più si avvicina è, come afferma J. Gregoire, quella di un campo sportivo predisposto per diversi sport, con linee che ne delineano il contorno a seconda dello sport praticato.
    Il territorio comune è costituito dalla capacità di stare nella relazione in una posizione ok-ok, dall’approccio contrattuale, dal corpus teorico di base dell’AT, dalla griglia di lettura della problematica in ottica AT che sono patrimonio specifico di tutti gli analisti transazionali.
    Le caratteristiche dell’intervento transazionale, infatti, sono la scelta cognitiva – la persona può pensare – , il qui-e-ora e il lavoro con il cliente, e non sul cliente, in una relazione curativa intersoggettiva e paritaria sul piano relazionale, anche se differenziata riguardo alle competenze, nella considerazione del valore e del rispetto reciproco come persone.


    Tecniche specifiche nel colloquio


    Agire con il cliente da una posizione ok-ok, nell’incontro del colloquio, significa riconoscere la persona nella sua valenza di valore intrinseco, indipendentemente dal problema che presenta o dal vissuto agito.
    Fondamentale è la creazione di una relazione di accoglienza e di fiducia accompagnata da interventi precisi di lettura e di stimolo.
    Credo che questo sia lo strumento più potente che l’AT può fornire, uno strumento che va sempre più affinato e approfondito, attraverso la messa in discussione di sé nella verità.
    Per il cliente, infatti, il percepirsi accolto, accettato, non giudicato, il cogliere che ci si pone accanto a lui nell’osservare il problema per affrontarlo non accademicamente, ma sul piano della realtà delle opzioni possibili per lui, è il primo passaggio verso il riappropriarsi delle sue risorse. Spesso siamo soliti affermare che il cliente è competente del suo problema, il counselor è competente nella gestione del processo della relazione e di quello dell’intervento: questo facilita una
    relazione di parità in cui si lavora insieme sul problema.
    Affermo qui che il primo compito del counselor non riguarda il fare, bensì l’essere.
    Essere, cioè, consapevoli, aperti, rispettosi, curiosi nell’incontro con l’altro da sé.
    Per porsi in ascolto occorre conoscersi e mettersi da parte per fare posto all’altro e avere chiarezza sul proprio quadro di riferimento, riconoscendolo come il proprio e non come la realtà! Nell’ascoltare le affermazione dell’altro occorre separare quanto è di stimolo rispetto alle proprie convinzioni e credenze, da quanto costituisce per l’altro l’ostacolo alla soluzione del problema che porta.
    Da questa nostra centratura sull’altro, questi potrà centrarsi su di sé ed esplorarsi nella relazione con noi.
    Questo atteggiamento di profonda stima e rispetto per la persona, non si improvvisa ed è fondamentale in ogni relazione di aiuto.
    Nel colloquio, in particolare, questo atteggiamento interiore si manifesta all’esterno nei gesti e nelle parole che il counselor usa.
    Mi riferisco qui a tutte le caratteristiche dell’accoglienza che il counselor può costruire nella stanza del colloquio, come nel suo modo di porsi davanti all’altro. Se usiamo l’AT possiamo attingere a tutte le caratteristiche degli stati dell’io nei loro aspetti funzionali in connotazione positiva. È adeguato il Genitore affettivo positivo accogliente, sensibile, accanto a un Genitore normativo positivo che dà struttura nel tempo, nella puntualità, nel rispetto dei confini del setting; è adeguato l’Adulto che si informa, ricerca i dati con precisione e attenzione finalizzata a ciò di cui si
    sta parlando, al processo relazionale in atto e alla scelta dell’intervento più idoneo; è adeguato il Bambino libero, vivace, interessato, partecipe, anche spiritoso, come è adeguato un Bambino adattato positivo, che sta al suo posto, che non risponde al telefono o alla porta, in “obbedienza” allo stare con l’altro per il tempo stabilito.


    Contenuto del counseling


    Il contenuto del counseling, partendo dalla richiesta della persona che va decodificata e contrattualizzata, è costituito da un intervento per aumentare le potenzialità e la ricerca di opzioni efficaci con persone strutturalmente sane o con persone portatrici di una patologia che richiedono un accompagnamento per un problema specifico e non per i sintomi legati alla patologia: in questo ultimo caso, di solito, più professionisti o servizi si occupano della persona.
    Come abbiamo visto, il campo del counseling ha come oggetto lo sviluppo delle potenzialità della persona; credo, invero, che anche la psicoterapia porti allo sviluppo delle potenzialità della persona, ma, di solito, la psicoterapia ha come obiettivo l’alleviare i sintomi e la guarigione. Ecco qui una distinzione importante e chiara: alleviare i sintomi e guarigione sono oggetto di psicoterapia, mentre aumentare le potenzialità sono oggetto del counseling.
    Da qui derivano il contratto e, dal contratto, le tecniche dell’intervento.
    Torniamo alle definizioni per restare sul tema dello specifico del counseling.
    Mi interessa qui sottolineare un confine esterno e un confine interno: il confine esterno è stabilito dal campo e dal contratto; il confine interno è definito dal livello dell’intervento e dalle tecniche usate: mi riferisco qui alla diagnosi della problematicità in termini strutturali di personalità e all’attenzione a lavorare con la struttura di I ordine, senza sconfinare.
    Rispetto ai termini sottolineati nelle definizioni intendo qui, soprattutto, evidenziare come parole chiave il processo relazionale, i problemi di natura non psicopatologica, le situazioni di crisi, lo sviluppo delle risorse, l’aiuto nel prendere delle decisioni importanti e lo sviluppo della consapevolezza personale su specifici temi, che analizzerò singolarmente.


    Processo relazionale


    Vittorio Soana afferma: “ Proprium del Counseling è la facilitazione della relazione e la competenza specifica del Counselor è una competenza relazionale.
    Riteniamo che l’esercizio sociale di questa competenza rivesta oggi un’importanza
    cruciale…
    In particolare pensiamo che il counseling possa costituire uno strumento importante là dove ci si proponga di sostenere l’uomo nel proprio crescere, nel tenere insieme la propria vita, nel trovare o nel ritrovare l’orientamento necessario a mantenersi positivamente in attaccamento.
    Crediamo si possa in questo senso parlare di una valenza esistenziale del Counseling là dove questo va a potenziare la modalità con cui l’uomo è in relazione con sé, con le cose, con la natura, con gli animali, con gli altri.
    La pratica del Counseling non può essere quindi confusa con altre competenze o data per scontata: la facilitazione della relazione costituisce a nostro avviso una dimensione professionale specifica sia quando esercitata in modo esclusivo (il Counselor) che in associazione ad altre professionalità. Il processo relazionale e la necessità di strumenti adeguati alla sua gestione costituiscono aspetti comuni a molti campi – non solo di AT – e non per questo credo che si tratti di una sovrapposizione o di uno sconfinamento.
    La facilitazione del processo relazionale diventa lo specifico nella gestione del colloquio di aiuto, quando al counselor si rivolga un cliente per una richiesta specifica. Già su questo primo punto possiamo trovare nell’AT, a partire dalla sua filosofia di base dell’okness, gli strumenti della lettura e dell’utilizzo adeguato della comunicazione consapevole come facilitazione alla costruzione della relazione.
    La relazione non è la comunicazione, ma questa ne costruisce il processo e ne consente la lettura.


    Natura non psicopatologica


    Prima di prendere in carico una persona per un percorso di counseling occorre fare una valutazione del livello di “gravità”. Infatti nella definizione citata all’inizio si definisce chiaramente come oggetto dell’intervento del counselor Il lavoro suproblemi di natura non psicopatologica. In ogni buon programma di formazione al counseling sono presenti elementi di psicopatologia descrittiva perché i counselor siano in grado di attenzionarsi su disagi psicologici o sintomi particolarmente significativi che necessitano dell’intervento di altre figure professionali. Il problema si incontra nell’accorgersene, perché la persona di solito, non lo dice: quasi sempre
    perché non se lo riconosce o per difesa, o per altri motivi.
    Ritengo che chi conosce bene l’AT sappia diagnosticare già da un primo colloquio, nella lettura degli stati dell’io, se si trova di fronte una contaminazione e a quale livello oppure ad una esclusione.
    Es: “Per poter condurre il gruppo devo conoscere tutto ciò di cui sta discutendo il gruppo”(contaminazione)
    “Per strada mi salutano persone che io non conosco: mi avranno trovata su
    internet?”(esclusione)
    Nella mia esperienza di supervisione di counselor, ho riscontrato che non è difficile che persone con un disagio pesante si rivolgano al counselor invece che ad un altro professionista, talvolta per incompetenza, ma, talvolta, per timore. La figura del counselor, proprio per sua definizione, non si occupa di patologia e questo può indurre a pensare: “Se vado dal counselor…. non sono “ malato”.!”
    Purtroppo, non funziona così.
    Si pone allora la domanda su quale sia, in questo caso, il compito del counselor.
    Io credo che si possano verificare due situazioni: la persona che vuole realmente alleviare il suo disagio e vuole fare qualcosa ed è quindi disponibile ad una informazione di invio ad un altro professionista e quella che è molto lontana da questa ipotesi.
    In entrambi i casi il counselor ha il compito di facilitare e accompagnare la persona all’invio. Il primo caso è il più semplice e, spesso, questo avviene già nel primo colloquio. Nel secondo caso, invece, l’obiettivo deve essere quello di chiarire e motivare all’intervento necessario, facendo emergere la problematica, senza intervenire su di essa.


    Potenzialità della persona


    Vediamo allora come il counseling si rivolga a sviluppare le potenzialità di un individuo, che presupponiamo “sano”, cioè non affetto da patologie gravi in atto e che non richieda il counseling per attenuare i sintomi delle patologie (Es: “Sono venuto perché soffro di attacchi di panico”).
    Intendo qui riferirmi a persone strutturalmente sane che si trovano in difficoltà esistenziali, in situazioni di crisi, lutti, cambiamenti, ma anche a persone in trattamento per qualche patologia che richiedano il counseling come supporto per affrontare, per esempio, un percorso lavorativo o una situazione che crea disagio a livello sociale o relazionale.
    Naturalmente tutte queste persone, talvolta, si rivolgono ad uno psicologo o ad uno psicoterapeuta portando questo problema e ritengo che , in questo caso, lo psicologo o lo psicoterapeuta facciano un intervento di counseling.
    Rimane il dato più importante, che ricaviamo dalle definizioni precedenti, dove si parla di “individui strutturalmente sani, inseriti in contesti sociali e che prendono decisioni riguardo al loro benessere.” Se l’obiettivo è quello di ritrovare risorse e ricercare opzioni troviamo nell’uso delle transazioni come stimolo allo stato dell’io Adulto del cliente uno strumento adeguato per lavorare sulle contaminazioni che portano al blocco da cui nasce il problema portato.


    Elementi di diagnosi del problema


    Chiediamoci allora in che cosa e come l’AT possa aiutare a individuare l’individuo sano, cioè sufficientemente strutturato, e come essa sia utilizzata nell’intervento.
    In un primo incontro gli strumenti possibili sono le transazioni e la lettura della comunicazione. E questi stessi strumenti saranno usati dal counselor nella gestione di tutti i colloqui che costituiranno l’intervento. Facendo supervisione agli operatori del Centro di Counseling dove offro il mio servizio, ho osservato che le persone abbastanza strutturate trovano un maggiore benessere e si portano via chiarezza già dal colloquio preliminare in cui l’operatore ha il compito di accogliere e quello di raccogliere i dati sulla persona e sulla problematica che porta. Questo è dovuto
    all’instaurarsi di una relazione positiva e di accettazione senza giudizio e aperta all’ascolto e ad un uso della comunicazione facilitante e pulita, che non manda messaggi ambigui e chiarifica le incongruenze. E’ questo che le persone sottolineano: ”Non avevo mai parlato con nessuno in questo modo! Mi sento già meglio!” e non è stato ancora fatto alcun intervento!
    Questo significa che già lo stare in relazione con una persona consapevole che usa il suo stato dell’io Adulto, che ascolta e interroga esplorando le situazioni non chiare, i non detti, gli aspetti svalutati, che usa la comunicazione diretta, senza messaggi contaminati o ambigui, costituisce una facilitazione al cambiamento.
    Ascoltando attivamente e attentamente la persona che ci parla si coglierà quali sono le convinzioni genitoriali o le illusioni del Bambino che costituiscono ostacolo ad una soluzione del problema e, attraverso l’uso delle tecniche berniane di interrogazione, specificazione e confronto, sarà possibile che la persona, sentendosi ascoltata e compresa, colga le sue alternative. La lettura del problema presentato in termini di contaminazione è, infatti, il primo passo per impostare il colloquio di counseling.


    Contratto : protezione e confine temporale


    Per quanto riguarda la competenza e la responsabilità del counselor a mantenere la relazione entro limiti di tempo, contenuti e obiettivi, propri di questointervento e non di altri interventi di aiuto alla persona, sarà utile qui attingere atutte le attenzioni e le tecniche per fare un buon contratto, confrontando le grandiosità e le attese magiche del cliente, come pure le proprie, attraverso unavalutazione con lo stato dell’io Adulto, e rifarsi ai principi etici che richiamano a
    non farsi carico di ciò di cui non si è competenti o legalmente “abilitati”, secondo le norme del Genitore, e a quantificare il tempo che occorre per completare il piano di trattamento necessario, ancora con una attenta valutazione dell’Adulto.
    Lo strumento del contratto è di fondamentale importanza per definire l’obiettivo dell’intervento e determinare la sua efficacia: in questa fase ogni analista transazionale è chiamato a chiarificare al cliente e a se stesso se l’obiettivo è possibile, congruo e se lui è in grado di accompagnare la persona in ciò che sta chiedendo. Berne parla di mostrare il proprio campionario! Qui è il momento di esplicitare con il cliente la specifica della propria professionalità, il tipo di intervento, chiarire i dubbi del cliente, talvolta spiegare la differenza di obiettivo tra un intervento clinico e un intervento di counseling, trovando la verbalizzazione cheil cliente sia in grado di comprendere per fare una scelta consapevole.
    A fianco del contratto di lavoro in senso stretto collochiamo l’atteggiamento contrattuale del counselor transazionale, che è la traduzione pratica della filosofia dell’okness nella relazione terapeutica. Attraverso di esso, in attenzione ai dati di realtà rappresentati del cliente con cui si è in relazione, si costruisce con lui la possibilità di contrattare il possibile e verificabile cambiamento.
    È l’Adulto del counselor che ricerca tutte le informazioni per prendere la decisione di assumere in carico la persona, valutando se il problema che porta richiede un intervento di counseling o no. Il contratto prevede anche la definizione della durata dell’intervento e occorre essere realisti sulla possibilità di aiutare la persona su quello che chiede nei tempi brevi dell’intervento di counseling.
    Come già accennavo, già nelle prime fasi di accoglienza e di ascolto e dalle prime domande investigative è possibile valutare se è presente una patologia grave che non consente un intervento efficace. Mi riferisco qui alla lettura di come la persona sta in relazione, alla diagnosi sociale degli stati dell’io, alla lettura puntuale delle transazioni. Quando sono presenti transazioni tangenziali, un alto livello di grandiosità, pesanti disturbi del pensiero, contenuti deliranti, oltre, naturalmente, a sintomi dichiarati quali attacchi di panico, fobie gravi, comportamenti auto ed eterodistruttivi , non è difficile accorgersi che il cliente non è adatto a un counseling breve. In questo caso il counselor può fare un prezioso lavoro di accompagnamento all’invio in psicoterapia o ad uno specialista della salute mentale; infatti, solo attraverso la costruzione di una relazione di fiducia e di riconoscimento, sarà possibile un invio riuscito.


    Intervento


    Una situazione molto diversa si presenta quando la persona “strutturalmente sana” presenta contaminazioni cognitive rispetto alla situazione problematica che porta o anche un certo stato di disagio emotivo, riconducibile alla situazione stressante che sta vivendo e che ha compromesso temporaneamente un equilibrio personale precedente.
    La struttura della personalità descritta attraverso il modello degli stati dell’Io GAB è uno strumento prezioso per il counselor sia nell’identificazione della problematica che nella lettura del processo dell’intervento, sia ancora nella scelta degli strumenti “tecnici” da usare per raggiungere l’obiettivo di facilitare la persona nel suo comprendersi e nel suo cambiare rispetto al problema.
    Nel lavoro cognitivo con la persona, nel qui-e-ora, il counselor mette in pratica l’intervento berniano lavorando con l’Adulto del cliente, lo stimola e gli permette la possibilità di pensare qui-e-ora rispetto alla sua realtà del momento, in una relazione in cui ci si è accordati di lavorare insieme su un problema specifico e ben definito. Nel counseling, infatti, non ci sono investigazioni su territori non esplicitati nel contratto, né interpretazioni sul cliente o il suo vissuto che costituirebbero un cambio di setting.
    Nella scelta cognitiva, interagendo con l’Adulto del cliente, il counselor accede alle informazioni del Genitore e del Bambino del cliente per quanto è utile a chiarificare il problema portato e l’elaborazione di una opzione diversa.
    Nella richiesta di counseling il contenuto del contratto riguarda quasi esclusivamente il livello sociale e non il livello profondo della persona.
    Come ho detto, si utilizza nella diagnosi e nell’intervento la struttura di I ordine GAB, leggendo la contaminazione e lavorando con A2. Questo determina la scelta degli interventi: la decontaminazione in primis, che permette al cliente di decodificare che cosa costituisce il blocco ad una soluzione diversa e a intravederla possibile per lui; in alcuni casi sono utili, nella relazione di counseling di sostegno, tutti gli interventi che Berne descrive nel cap. 10 di “Principi di terapia
    di gruppo” dopo aver insegnato le operazioni terapeutiche come AT in azione.
    Non si pratica invece, nel counseling, nessun lavoro strutturale sul Genitore né la deconfusione del Bambino; va evitata ogni tecnica regressiva indotta, privilegiando la capacità di stimolare il recupero del qui-e-ora e la gestione delle emozioni sentite qui-e-ora.
    Es.: “ Che cosa ti diceva tuo padre rispetto a questo ?“ e non “Sii tuo padre e….”
    “Che cosa hai provato mentre eri in quella situazione” e non “Stai in contatto con questo sentimento, dove sei, che c’è con te, quando l’hai provato la prima volta.. ecc” che sono interventi propri di un lavoro sul profondo che richiede una alleanza, delle competenze professionali e, soprattutto, un contratto di un altro livello.
    Come sottolinea la definizione delle core competencies dell’EATA il counselor accede al Genitore e al Bambino attraverso l’Adulto, cioè attraverso la verbalizzazione sia dei messaggi genitoriali (convinzioni, ordini, divieti…) che delle emozioni.
    Chi si forma e pratica il counseling raramente trova in letteratura lavori specifici sulla diagnosi nel counseling e deve quindi attingere al materiale della psicoterapia e tradurla per il suo campo.
    A questo proposito cito un lavoro prettamente clinico quale l’approfondimento della teoria dell’impasse fatto da Ken Mellor che utilizza la lettura della comunicazione osservando la minore o nulla capacità di verbalizzazione per identificarne il grado, l’età di insorgenza e l’intervento richiesto.
    Eccone le caratteristiche: poiché l’impasse di I grado è in collegamento con i drivers, si sviluppa quando il bambino è in grado di capire il linguaggio (4-8 anni); lo stato dell’io che viene coinvolto a livello di apprendimento è A2 e, poiché questo, cronologicamente, è l’ultimo, è sufficiente il modello strutturale di I ordine; il livello di consapevolezza temporale è completo; la comunicazione verbale è ben differenziata sia per le esperienze interne che esterne; le reazioni emotive sono ben differenziate e la persona è in contatto con la sua realtà; la decisione presa è
    verbalizzabile e la persona è sensibile agli stimoli che provengono dalla realtà esterna.
    Riporto qui, per chiarezza di esposizione, una semplificazione della tabella con alcuni degli items con cui Mellor identifica l’impasse di I grado (ne sono sufficienti solo due per diagnosticarlo).
    Il blocco generato dal conflitto G2-B2, comunemente definito impasse di I grado, è oggetto dell’intervento di counseling, perché può essere affrontato e risolto con la ricerca di una mediazione possibile, attraverso l’uso dell’Adulto, ancorato al piano della realtà qui-e-ora. Nel counseling, secondo il mio parere, non si usa la tecnica delle sedie, perché l’azione stessa determina un intervento sulla struttura di personalità che riservo al campo della psicoterapia.

    Ho osservato che la persona contatta abbastanza facilmente i messaggi verbali e può essere in grado di aggiornarli attraverso un lavoro di consapevolezza cognitiva quale è quello, appunto, del counseling. Questo è il processo che la persona compie nella naturalità nelle aree che non si rivelano problematiche o prima che si manifesti una situazione di crisi, spesso dovuta a situazioni o eventi esterni o a un cambiamento, per esempio, dello stato di salute proprio o di un congiunto.
    L’interazione con l’Adulto del counselor stimola quello del cliente, in un processo che questi è già in grado di compiere e che è solo da ripulire, da far ripartire.
    Diverso è, naturalmente, il caso dell’impasse di II e III grado che richiedono un lavoro sul B sia da un punto di vista strutturale che funzionale.
    Nel riattivare un processo che la persona possiede naturalmente, il counselor può utilizzare con efficacia la trilogia di Rissman3 , stimolando le possibili collaborazioni o le mediazioni tra gli stati dell’io, per trovare una soluzione possibile ed adeguata al qui-e-ora. Queste sono stati riprese da M. Klein in un lavoro che è stato anche tradotto nel N. 8-9 della rivista AT in cui l’autrice definisce la contaminazione fra due stati dell’io come una opzione che il Bambino si è dato per risolvere il conflitto dell’impasse, a costo di un grande dispendio di energia psichica e determinando così solo una pseudosoluzione. Rispetto al problema il counselor può aiutare il cliente a dare un giudizio nel caso del conflitto G-A; a trovare alternative rispetto a quello A-B e un compromesso tra G-B, affrontando il pregiudizio, l’illusione e l’inflessibilità.
    Le specificità del setting, del contratto, del piano di trattamento e delle tecniche di Counseling permettono non solo di distinguere l’intervento di Counseling dall’intervento psicoterapeutico sulla struttura profonda, ma anche, e soprattutto, il potenziamento e la visibilità dell’intervento a seconda dei differenti ambiti in cui questo viene effettuato.
    Nella consapevolezza di sé e nella scelta di quale stato dell’io energizzare nella relazione, il counselor interviene, facilita l’esplorazione del problema da parte del cliente e ne elabora con lui le opzioni risolutive nel rispetto della libertà e della dignità del cliente in una relazione di aiuto da persona a persona.
    L’intervento transazionale poggia la sua validità nella qualità della relazione. Infatti la persona ha bloccato il suo potenziale adattandosi a messaggi limitativi che ha percepito all’interno di una relazione G-BA
    Se il parlare del problema utilizzando naturalmente le transazioni avviene in una relazione differente e attraverso stati dell’io differenti A-A, e GAB-GAB, la persona farà, nel setting, una esperienza di sé diversa da quella che è solito fare, si percepirà ok e persona di valore e, come lì ha energizzato il suo stato dell’io Adulto ripulito dalle contaminazioni, sarà in grado di introiettare il percorso fatto come un nuovo schema mentale e relazionale e di immagine di sé che potrà usare
    al posto di quello meno funzionale alla soluzione dei problemi del presente.


    Conclusione


    Il colloquio di counseling, condotto attraverso la diagnosi del problema in termini di contaminazione e l’intervento con l’Adulto del cliente utilizzando le tecniche descritte da Berne è un intervento con la persona, in particolare quella che definiamo non psicopatologica, in un percorso di empowerment in situazioni temporanee di crisi o in ordine a scelte esistenziali.
    L’AT e i suoi assunti fondamentali: il qui-e-ora, la scelta cognitiva, il lavoro con il cliente e nell’efficacia delle sue letture diagnostiche, che utilizzano criteri chiari e condivisibili rispetto alla personalità sia negli elementi strutturali che funzionali, offre al cliente l’opportunità di una esperienza, anche breve, nella direzione dell’autonomia attraverso un intervento di counseling preciso e potente.
    Partendo dalla mia esperienza di didatta e supervisore di counselor individuo in questo lavoro i punti di attenzione per il professionista counselor nella relazione di aiuto con il suo cliente.
    Gli strumenti dell’Analisi Transazionale, in particolare il contratto, la struttura della personalità e le tecniche berniane costituiscono una griglia precisa e flessibile nella diagnosi della problematica, nella pianificazione e nella gestione dell’intervento.
    In parallelo mi soffermo sugli impegni e i vincoli di questa professione con riferimento al codice deontologico del counselor professionista nel nostro paese.

     

     

    Psicologia Counseling Mindfulness

    Dott.ssa Monica Cerri    Dott. Sergio Angileri

    Palermo

    Via Resuttana, 367  ▪  Via Abruzzi, 15/a

    091 517187 334 3860561

    Neuropsichiatria Psicologia Medica

    Dott. Luigi Pastore    D.ssa Maria Inguanta

    Palermo

        Via Monti Iblei, 31    Via Pietro D' Asaro, 23

    091 517187 334 3860561

     

    Psicologo? Counselor? Psicoterapeuta? Analista? Neurologo? Psichiatra?

    "Per il mio caso, chi devo consultare?"

     

    Tariffario Parcelle Agevolazioni

    Il pagamento può essere effettuato contanti o con carte

          


     
     

      Studio

    Psicologia Medica | Psicoterapia | Analisi Transazionale e Mindfulness Based | A.T. Socio-Cognitiva | Counseling

     

    Le sedi a Palermo

    Via Resuttana, 367  ●  Via Abruzzi, 15/a

    vedi dove siamo

     

      091 517187   ~  334 3860561

     

    La prenotazione del primo colloquio si effettua solo telefonicamente

    Giorni e orari di ricevimento:

    da Lunedi a Venerdì - dalle ore 9:00 alle ore 20:00

     

    Dott. Sergio Angileri

    Analista Transazionale - Counselor - Specializzato in Psicoterapia Analitica Transazionale

    MBTA (Mindfulness Based Transactional Analysis)

     

     

     

    Copyright © 2000 [Dott. Sergio Angileri] Palermo - tel.  091 517 187  -  334 386 0561

    Specializzato in Psicoterapia Analitica Transazionale - Counselor Analista AT - Mindfulness I° - Laureato in Psicologia Clinica Applicata

    Esercizio professionale ai sensi della Legge n. 4 del 14 gennaio 2013, pubblicata nella G.U. n. 22 del 26/01/2013

    Mail

     Tutti i diritti riservati