Counseling Psicoterapia Neurologia Psichiatria Psicologia Medica

Trattamento Focale Breve e Psicoterapia|Counseling AT|Mindfulness|Applicazioni senza Psicoterapia

Psicologia Medica|Psicoterapia

 

    Dott. Sergio Angileri

     ọ  Dottore in Psicologia Clinica Applicata

     ọ  Specializzato in Psicoterapia Analitica Transazionale

     Dott. Luigi Pastore

     ọ  Dottore in Medicina - Specialista Neurologo

      D.ssa Maria Inguanta

     ọ  Medico - Endocrinologa - Malattie del ricambio - Dietologia

     D.ssa Rossella D'Arrigo

     ọ  Medico Chirurgo - Medicina Psicosomatica - Sessuologia

  334.386.0561  -  334.874.3107

E-mail Consulenza online

 

Mindfulness: trattamenti integrati

Psicoterapia

Counseling Consulenza

Trattamenti brevi di aiuto alla persona

Trattamenti di Coppia

Sessualogia

Psicologia Clinica e Medica

Il Tariffario Flessibile

Ansia | Panico | Fobie

Depressione e disturbi dell'umore

Disturbi ossessivi|compulsivi

Disturbi della Sessualità

Disturbi da Stress

Le Dipendenze - Internet dipendenza

Anoressia Bulimia

Psicosomatica

Palermo - Via P. D' Asaro, 23

Collesano - C.da Pozzetti SS128, SN

Palermo - Via Monti Iblei, 31

Palermo - C.so Fin. Aprile, 203

 Al momento della prenotazione telefonica dell'appuntamento, è possibile richiedere la sede preferita. La richiesta sarà soddisfatta solo in base alla  disponibilità.

PSI.MED Palermo - Presentazione

   Sistema Tariffario flessibile

 
Psicologia Medica

-nelle psicopatologie-

Counseling

-nei disturbi senza patologia-

Mindfulness

-in tutti i casi-

Psicoterapia

Psicofarmacoterapia

Neurologia

Psichiatria

Psicologia Medica

Counseling

Trattamento Focale

Analisi Transazionale

Metodologie Esperenziali

Mindfulness

Primo colloquio. E dopo?

Quando il disagio, il disturbo e la sofferenza

non sono psicopatologia


ANSIA: diagnosi e cure

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


     334.386.0561


DEPRESSIONE

Depressione minore

Depressione Maggiore

Disturbo Distimico

Depressione Bipolare

Depressione giovanile

Terapia e trattamenti Mindfulness

 

FORME ANSIOSE

Panico

Agorafobia

Ansia Generalizzata

Fobie

Fobia Sociale

Stress

Ossessioni Compulsioni

Terapia e trattamenti Mindfulness

 

Medicina PsicosomaticA

Società e Malattia

Meccanismi psicosomatici

Pensieri e sintomi

Mediazione cognitiva e disturbi

Stress e malattia

Terapia e trattamenti Mindfulness

 

Coppia

Psicoterapia di coppia

Mediazione

Consulenza psicologica e legale

Terapia e trattamenti Mindfulness

 

TERAPIA SESSUALE

Anorgasmia femminile e frigidità psicogene

Il dolore sessuale psicogeno, nella partner femminile

Eiaculazione precoce psicogena

Disfunzione erettile psicogena

Terapie sessuali integrate, con la coppia

Terapia e trattamenti Mindfulness

 

DIPENDENZE IN INTERNET

Trattamento specialistico

cyberdipendenza

chats, social net

sessodipendenza

pornodipendenza

MINDFULNESS  psicoterapia e trattamenti non clinici

 

 
Il dott. Sergio Angileri - Laureato in Psicologia Clinica Applicata; Specializzato in Psicoterapia Analitica Transazionale; Qualificato in Psicoterapia applicata alla Medicina Psicosomatica; Qualificato in metodologia e tecnica AT e Mindfulness nel Counseling Professionale; in possesso di diversi titoli di perfezionamento in Psicologia Cognitiva, Ipnosi, Sessuologia - Possiede trenta anni di esperienza clinica nella diagnosi e nella cura in psicopatologia e nei diversi disturbi di Ansia, Depressione, Disturbi di Personalità, Disturbi Sessuali Psicogeni e disturbi nella Psicologia della Coppia. Nel 1993 iscritto all'Ordine degli Psicologi della Sicilia, Albo degli Psicoterapeuti, con il n. 480 - Iscritto nel Registro Nazionale dei Counselor Professionisti al n. 1546 - Nel 1990 fondatore dell'organizzazione PSI.MED Palermo e della correlata metodologia, che integra e bilancia Counseling, Psicologia e Medicina. Anzianità professionale dal 1985.

 - vedi qui informazioni su PSI.MED Palermo -

 
TRATTAMENTI DEGLI STATI ANSIOSI

Poichè gli stati ansiosi possono indicare a volte una vera condizione psicopatologica di disturbo strutturato d'ansia e altre volte invece una condizione di sofferenza non patologica, va innanzi tutto espletata la diagnosi differenziale iniziale, che lo specialista svolge durante i primi tre o quattro incontri.

A secondo l'esito diagnostico, verrà indicata alla persona il trattamento ritenuto più adeguato nel suo caso.

 

I trattamenti degli "stati ansiosi" sono due:

  1. Trattamento clinico: psicoterapia, psicologia clinica, neurologia, psichiatria e psicofarmacoterapia

  2. Trattamento focale in counseling, da solo o integrato con il trattamento clinico

La scelta del tipo trattamento dipende dalla diagnosi sugli "stati ansiosi", come di seguito spiegato.

Lo "stato ansioso" è prodotto da processi biologici e fisiologici normali, che si attivano rispondendo a naturali segnali intrapsichici. Questi a loro volta si attivano quando il "sistema cognitivo" del cervello riceve una informazione che, nel significato del soggetto, ha caratteristica allarmante.

Queste informazioni "allarmanti" che raggiungono il cervello cognitivo, hanno due provenienze possibili. La prima è esogena, cioè proviene dal sistema oggettivo esterno all'individuo (persone, fatti, eventi, ecc). L'altra è endogena, cioè proviene dal sistema soggettivo interno all'individuo (pensieri, ricordi, previsioni, interpretazioni, ecc).

L'informazione esogena "informa" su un qualcuno/qualcosa di "allarmante", collocato nel sistema esterno e oggettivo rispetto alla persona. L'informazione endogena "informa" su qualcuno/qualcosa di "allarmante" pensato, visto e situato all'interno stesso della mente: questa informazione allarmante endogena può a volte rimanere tale e può altre volte, invece, essere "proiettata" nel sistema esterno e a causa della "proiezione" il soggetto può con diversi gradi convincersi, che ciò che egli "vede" nella sua testa e ciò che "vede" nel sistema oggettivo, in buona fede collimano.

I percorsi dell'informazione allarmante, inoltre sono di diversi livelli: essi variano da un livello di massima consapevolezza (il soggetto umano è immediatamente consapevole del pensiero che gli genera ansia), a livelli progressivamente meno consapevoli, fino a massima inconsapevolezza, laddove il soggetto sente ansia, ma è del tutto ignaro dei processi di pensiero che gliela hanno generata.

Il professionista preposto alla diagnosi degli "stati ansiosi" diagnostica nei primi incontri la configurazione strutturale e funzionale dell'ansia, anche tenendo in conto delle componenti su descritte:

  1. provenienza dell'informazione allarmante (esogena; endogena)

  2. dinamica della proiezione

  3. gradiente di coerenza fra l'oggetto esterno, la rappresentazione interna e la proiezione

  4. livello di consapevolezza dell'informazione allarmante

La diagnosi della percentuale strutturale e funzionale dell'ansia, fa la differenza fra la diagnosi di "ansia psicopatologica" e "stati di ansia non patologica". La prima richiede trattamenti clinici (psicoterapia e psicofarmacoterapia). La seconda richiede trattamenti focali e di counseling. ( vedi qui specificazione differenziale fra trattamenti clinici e trattamenti brevi in counseling )

In generale l'Ansia in genere assume una o più di una, delle seguenti forme:

  •  Stati di ansia generalizzata

  •  Stati di panico o attacchi di panico

  •  Stati fobici

  •  Stati ansiosi caratterizzati da pensieri ridondanti (ossessivi) e/o azioni coattive e ripetitive

  •  Stati ansiosi reattivi, situazionali o transitori

Non sempre gli stati suddetti sono generati da una struttura mentale psicopatologica che richieda terapia farmacologica e/o psicoterapia. Fondamentale è quindi la valutazione diagnostica iniziale, che si svolge in genere durante i primi tre o quattro incontri con lo specialista, che accerti se lo stato ansioso è strutturale o funzionale. Negli stati ansiosi funzionali, la maggior parte delle volte non è necessario applicare un trattamento clinico, essendo efficace e risolutivo un trattamento funzionale che non prevede nè farmaci, nè psicoterapia.

In tutte le condizioni dove la persona soffra di disturbi/disagi/sofferenza, è tuttavia necessario intervenire per aiutare la persona a risolvere la sua condizione.

Per risolvere occorre applicare un trattamento di intervento.

Nei disturbi/disagi/sofferenza psicologica, i trattamenti possibili sono quattro. Due sono trattamenti clinici (terapie farmacologiche e psicoterapia) e due sono trattamenti funzionali (trattamenti focali e counseling).

Per potere stabilire quale trattamento è necessario, caso per caso, per singola persona, occorre svolgere gli accertamenti iniziali (diagnosi).

La diagnosi è costituita da quattro dimensioni, delle quali le prime due sono diagnosi cliniche e le altre due sono diagnosi funzionali:

  1. Dimensione clinica-medica (valutazione sindromica; diagnosi medica/organica; anamnesi medica; analisi di laboratorio)

  2. Dimensione clinica-psicologica (valutazione della personalità e della componente strutturale e funzionale della mente; esame testologico; anamnesi clinica storica, familiare e attuale)

  3. Dimensione non-clinica relazionale/comportamentale (esame degli stili di gestione delle situazioni; esame dei sistemi decisionali e di scelta; esame delle abitudini comportamentali)

  4. Dimensione non-clinica valoriale (esame dei sistemi di pensiero della persona e di riferimento, usati per attivare decisioni, scelte e comportamenti)

La fase di accertamento e diagnosi (clinica e non clinica), in genere si completa nel corso di quattro incontri con lo specialista.

I professionisti qualificati e specializzati per questo fine sono:

  1. i laureati in psicologia;

  2. i laureati in medicina con competenze ed esperienza psicologica;

  3. i counselor formati e qualificati specificatamente nel settore delle valutazioni di cui sopra;

  4. gli specializzati in psicoterapia;

  5. gli specializzati in psichiatria;

  6. gli specializzati in neurologia.

Gli specialisti di cui sopra, poichè sono in possesso dei titoli di laurea, qualificazioni, specializzazioni, supervisioni, tirocini, master e perfezionamenti diversi, sono per questo competenti e qualificati a svolgere accertamenti e diagnosi, ma devono inoltre essere stati abilitati dallo Stato Italiano, a mezzo di Esame di Stato.

Al termine dei primi quattro incontri di diagnosi, lo specialista avrà accertato quattro esiti possibili:

  1. la persona non necessita di nessun tipo di trattamento

  2. la persona necessita di un trattamento non clinico (trattamenti brevi e/o in counseling)

  3. la persona necessita di un trattamento non clinico integrato (trattamenti brevi; counseling; terapia medica)

  4. la persona necessita di un esclusivo trattamento clinico (psicoterapia; terapia medica; terapia mista integrata psicoterapico/medica)

Al termine della diagnosi, la condizione esaminata risulta patologica quando è accertato che nella mente della persona sono prevalentemente i "sistemi psicologici strutturati" quelli che generano gli stati psicologici di disturbo/disagio/sofferenza. In questi casi siamo in presenza di sintomi patologici, perchè strutturati.

Non vi è patologia, invece, quando si accerta che questi stati non sono significativamente generati da struttura psicologica (psicopatologia), ma prevalentemente dai "sistemi funzionali psicologici". In questi casi siamo in presenza di "sintomi funzionali e non strutturali". Quando i sintomi sono prevalentemente funzionali, non si ha psicopatologia, ma si è in presenza di una risposta sintomatica funzionale, episodica o reattiva.

La distinzione su esposta, fra "struttura e funzione psicologica", è fondamentale per potere decidere il tipo di trattamento da applicare.

In presenza di diagnosi di non patologia, si procede applicando la metodologia del "Trattamento Breve" e/o del "Counseling".

In presenza di diagnosi di patologia, si procede applicando la metodologia clinica della "Psicoterapia" e della "Psicologia Medica".

Ai lati destro e sinistro della presente pagina sono disponibili ulteriori informazioni, dettagli e approfondimenti di quanto qui esposto.

Dott. Sergio Angileri

 

- (leggi qui una breve spiegazione su "struttura e funzione psicologica").

Vedi sotto ulteriori dettagli e informazioni.

    ọ  "Trattamento Focale Breve" e Counseling
    ọ  "Disturbo/Disagio/Sofferenza nelle condizioni di non-malattia"
    ọ  "Psicoterapia Analitica Transazionale e Socio-Cognitiva"
    ọ  "Mindfulness" - applicazioni in terapia e nel counseling
    ọ  "Psicologia Medica Integrata" - integrazioni di Psicologia, Neurologia, Psichiatria e Medicina Psicosomatica
    ọ   Descrizione del procedimento diagnostico
    ọ   Diagnosi e Terapia dei Disturbi
       I costi e le parcelle - applicate dal Dott. Sergio Angileri

 

STRUTTURA E FUNZIONE PSICOLOGICA

- breve descrizione differenziale -

Il "sistema psicologico" che genera disturbi e sintomi, si dice "strutturato" quando è caratterizzato da una preponderante quota di inconscio o automatismo ed è, nel suo funzionamento, relativamente indipendente dalle situazioni oggettive, mentre risulta essere molto più dipendente e determinato dalle dinamiche intrapsichiche soggettive, per lo più automatiche, inconsapevoli o inconsce e locate nella memoria profonda della persona. Il sistema psicologico strutturato, caratterizzato da inconscio e/o automatismo, è difficilmente gestibile dalla volontà della persona e per questo produce involontarie proiezioni sulla dimensione oggettiva e conseguente re-introiezione e interpretazione, sulla base della proiezione stessa. I disturbi e i sintomi generati da questa struttura, in genere sono coerenti con la dinamica intrapsichica di proiezione e interpretazione (un esempio è quando la persona, avendo difficoltà a distinguere fra "realtà soggettiva" e "realtà oggettiva", afferma categoricamente e rigidamente: "per me le cose stanno così, e basta!"). I disturbi, invece, risultano essere significativamente incoerenti con la dimensione oggettiva, così come è possibile ragionevolmente descriverla e senza interpretarla. La distinzione fra "descrizione" e "interpretazione", è fondamentale. Questo sistema psicologico così fatto, si denomina strutturato, cioè solidamente avviluppato in se stesso e i sintomi che produce sono indice di psicopatologia e occorre applicare metodologie terapeutiche dell'area clinica.

Il sistema psicologico che genera sintomi, si dice invece "funzionale", quando è caratterizzato da una preponderante quota di consapevolezza sulla dimensione oggettiva, così come è possibile ragionevolmente descriverla e i sintomi che genera sono relativamente coerenti con tale dimensione oggettiva e sono in quota minima determinati da automatismi proiettivi e interpretativi. Quindi la quota strutturale risulta essere inferiore della quota funzionale. In questo caso non si ha psicopatologia, ma "disfunzione" psicologica, caratterizzata dal fatto che la persona, pur nella sua buona consapevolezza e capacità di distinguere il "soggettivo" dall' "oggettivo", tuttavia, nonostante ciò, presenta difficoltà funzionali di gestione delle situazioni oggettive e a causa di questa difficoltà gestionale, produce disagi, disturbi e guasti funzionali delle emozioni e dell'umore, anche in forma di ansietà, instabilità emotiva e umorale. Questo sistema psicologico così fatto si denomina funzionale e i sintomi che produce sono indice di carenza gestionale e decisionale degli eventi di vita e spesso è sufficiente applicare metodologie consultive, in trattamenti brevi, non clinici e senza psicoterapia.

Ambedue le condizioni di disturbo e disagio (strutturale e funzionale), discendono dalla complessità cognitiva della persona, cioè da cosa e come la persona "vede" (pensa) la realtà. Ma nella condizione strutturale, la complessità cognitiva della persona compromette significativamente la spontanea consapevolezza di separazione e differenza fra la propria soggettività e l'oggettività della realtà; mentre nella condizione funzionale tale spontanea consapevolezza non è compromessa.

Dott. Sergio Angileri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


E-mail Consulenza online


PSI.MED Palermo - Presentazione

Tariffario e Parcelle

Dott. Sergio Angileri

Processi di  formazione della mente

Le Diagnosi

Struttura e Funzione della Mente

La Patologia: strutturale

La Non-Patologia: Funzionale

I trattamenti clinici

I trattamenti non clinici

Come si svolge la psicoterapia

La Psicoterapia: teorie, tecniche e metodi

Il Trattamento Breve e il Counseling

Mindfulness

La Biblioteca del Dott. Sergio Angileri

 Bibliografia, articoli e argomenti

PSI.MED Palermo - Presentazione

Tariffario e Parcelle

Dott. Sergio Angileri

Processi di  formazione della mente

Le Diagnosi

Struttura e Funzione della Mente

La Patologia: strutturale

La Non-Patologia: Funzionale

I trattamenti clinici

I trattamenti non clinici

Come si svolge la psicoterapia

La Psicoterapia: teorie, tecniche e metodi

Il Trattamento Breve e il Counseling

La Mindfulness

La Biblioteca del Dott. Sergio Angileri

 Bibliografia, articoli e argomenti

Tariffario e Parcelle

Come si svolge la psicoterapia

Trattamento Breve e il Counseling

Mindfulness

  PSI.MED Palermo - Presentazione

   Sistema Tariffario flessibile

Palermo - Via P. D' Asaro, 23

Collesano - C.da Pozzetti SS128, SN

Palermo - Via Monti Iblei, 31

Palermo - C.so Fin. Aprile, 203

 

  334.386.0561

        334.874.3107

E-mail Consulenza online

Al momento della prenotazione telefonica dell'appuntamento, è possibile richiedere la sede preferita. La richiesta sarà soddisfatta solo in base alla  disponibilità.

MINDFULNESS

in Psicologia Clinica e nelle Relazioni di Aiuto non-cliniche

Trattamento Focale Breve e Counseling Depressione e Tristezza
Servizi di Aiuto alla Persona: interventi clinici, medici, psicoterapici - Trattamenti brevi non-clinici e Counseling Terapia antidepressiva e Trattamenti Brevi non psicoterapici
Psicoterapia: cosa è e come si svolge Ansia | Panico e stati ansiosi non patologici
Dal primo colloquio in poi I disturbi di Panico - Agorafobia - Ansia Generalizzata - Fobie - Fobia Sociale - Ossessioni e Compulsioni - Stress
La Psicoterapia: teorie, tecniche, metodi - Diversità della psicoterapia dai metodi brevi e dal counseling Servizi di aiuto alla Coppia
La psicoterapia in Gruppo Psicoterapia di coppia - Mediazione - Consulenza psicologica e Counseling - Trattamenti brevi
Di cosa ci occupiamo Medicina Psicosomatica e Psicosessuologia
Psicologo  Counselor Psicoterapeuta  Psichiatra - Neurologo Disturbi Sessuali psicogeni, maschili e femminili 
Organizzazione PSIMED Anorgasmia femminile  e frigidità psicogene - Dolore sessuale psicogeno, nella partner femminile - Dispareunia e Vaginismo
Integrazione di Psicoterapia, Psichiatria, Neurologia, Counseling e Medicina Psicosomatica Eiaculazione precoce psicogena - Disfunzione erettile psicogena
TARIFFARIO - flessibilità delle parcelle Quando le disfunzioni sessuali non richiedono terapia, ma solo training comportamentale decondizionante
L'approccio moderno e aggiornato ai disagi e disturbi psicologici: non più solo psicologia, psicoterapia, psichiatria e psicofarmaci Dipendenze in Internet: cyberdipendenza - chats - sessodipendenza - pornodipendenza
La Biblioteca : del Dott. Sergio Angileri Quando la fruizione del piacere non è e non diventa dipendenza
   
 

ElencoPsicologi.it

Psicologi al servizio della Persona

PSIMED Palermo aderisce a:

 

  © 2000 [Dott. Sergio Angileri] Palermo - tel. 334.3860561 - E-mail